Come gli esperti approvano i prodotti | Foodu
×
Questa articolo è in fase di realizzazione. Ti preghiamo di non fare affidamento ai contenuti riportati. Seguici per sapere quando sarà terminato.

Come gli esperti approvano i prodotti

Introduzione sul criterio generale di impostazione delle soglie di accettazione

La scelta degli alimenti da parte del consumatore, scaturisce dall’insieme di più fattori, il bisogno di nutrirsi, di soddisfare il palato, ma il compito di foodu è accompagnare questa scelta soprattutto sulla base della consapevolezza in relazione alla qualità e alla quantità degli alimenti che andranno a comporre il pasto.

Questo si può realizzare solo se si effettua una attenta lettura delle etichette alimentari.

Il Reg. UE n 1169/2011 dal dicembre 2016 applica difatti proprio l’obbligatorietà dell’etichetta nutrizionale, cioè ogni etichetta presenta obbligatoriamente una dichiarazione nutrizionale circa quantità dei nutrienti presenti e del valore energetico complessivo dell’alimento.

Spesso però per il consumatore non è sufficiente, in quanto non in grado di comprenderle, o semplicemente perché i produttori, per legge, non sono obbligati ad inserire tutte le informazioni inerenti il loro prodotto. Pertanto WiKonsumer, essendo direttamente a contatto con loro, ha la possibilità di visionare ogni scheda tecnica e rendere tali informazioni disponibili per tutti.

Criteri generali di valutazione prodotti

In linea generale abbiamo individuato dei criteri per classificare i prodotti, assegnando un punteggio ai possibili valori (riportati qui in ordine crescente):

  1. Certificazione di origine/tipicità (prodotto o ingredienti): nessuna,da filiera certificata, De.Co, P.A.T., Presidio Slow Food, STG, I.G.T., I.G.P., D.O.P., D.O.C., D.O.C.G.
  2. Origine
    1. Origine delle materie prime (quella solitamente indicata in etichetta, che include tutti gli ingredienti): propria produzione, locale (entro un raggio di 200 km), Italia, UE, Extra-UE
    2. Origine dell'ingrediente principale (attenzione a non entrare in contrasto con normativa ingrediente primario (superiore al 50%) 1): questo a seconda dei casi può essere l'ingrediente presente in maggiore quantità, ma anche un ingrediente caratterizzante, ad esempio per un sugo di pesce potrebbe essere l'origine del pesce e non l'origine del pomodoro. Quale sia l'ingrediente principale verrà stabilito alimento per alimento.
  3. Luogo di produzione: Extra-UE, UE/Extra-UE, UE, italiana, locale (entro un raggio di 200 km), di propria produzione;
  4. Artigianale: no/si; non esiste una definizione legale di "prodotto artigianale", per cui considereremo artigianale qualsiasi alimento prodotto attraverso un processo condotto per lo più attraverso un contributo umano e in quantità limitata, a garanzia, pertanto, della produzione curata dei prodotti.
  5. Processi di trasformazione che rispettano il prodotto: ad esempio processi di estrazione a freddo, o utilizzo di basse temperature per i prodotti tostati, o ancora processi di trafilatura della pasta
  6. Limitato uso di additivi: presenti ma scelti (prediligiamo additivi di origine naturale per cui non esistono dati di tossicità, ovvero senza limitazioni d'uso e che possono essere utilizzati quantum satis) o assenti. Quali additivi rientrano nella categoria "scelti" viene specificato alimento per alimento e viene documentato nella descrizione della caratteristica visibile all'utente in pagina prodotto.
  7. Packaging riciclabile: no/si, considerato secondo i parametri comunemente accettati (il tetrapack, per esempio, non è riciclabile in tutti i comuni), ottenuto da materiale riciclato, biodegradabile
  8. Biologico o Senza pesticidi o fertilizzanti chimici: no/in certificazione/si
  9. Caratteristiche documentate: punteggi aggiuntivi ai produttori che forniscono analisi documentate a supporto di quanto dichiarato
  10. Tipo di grassi aggiunti: Olio di colza, Margarina vegetale, Olio di palma, Burro, Burro di cacao, Olio di nocciole, Olio di mandorla, Olio di cartamo, Olio di semi di girasole, Olio di oliva, Olio di girasole estratto meccanicamente, Olio di girasole spremuto a freddo, Olio extravergine di oliva, nessuno.
  11. Zuccheri aggiunti: sarà inserita una categoria di prodotti "light", cioè alimenti che presentano solo gli edulcoranti previsti per quella categoria.
  12. (Valore nutrizionale e Nutri-score)
  13. Certificazioni (es. filiere sostenibili)

Assegnazione del punteggio

Ogni prodotto presente nel nostro e-commerce ottiene un punteggio qualità, che viene raggiunto sulla base delle caratteristiche prese in considerazione per la categoria a cui appartiene (luogo di produzione, biologico, addizione in vitamine e minerali, Gluten free, origine delle materie prime, OGM Free, ecc...).

Queste caratteristiche hanno valore diverso a seconda delle categorie a cui vengono assegnate e abbiamo pensato di suddividerle in:

  • Caratteristiche Requisito che contribuiscono al punteggio qualità e se il prodotto non le rispetta non può essere accettato

  • Caratteristiche Punteggio che contribuiscono al punteggio qualità

  • Caratteristiche Plus che contribuiscono al punteggio qualità, spesso non riportate in etichetta perché non obbligatorie e/o più difficili da trovare nei prodotti (come ad es. il quantitativo di polifenoli per olio evo o la giusta tecnica di pesca per le conserve di pesce o le temperature di essiccazione della pasta...)

  • Caratteristiche - che sono solo informative e non contribuiscono al punteggio qualità

Per ogni categoria, nella parte descrittiva, vengono prese in esame solo le caratteristiche Requisito perché indispensabili per l'accettazione del prodotto. Subito dopo, nella tabella "Approvazione soglie", si ritrovano anche le caratteristiche Punteggio, Plus e quelle informative. Si richiede agli esperti di valutare e accettare non solo le caratteristiche Requisito, ma anche tutte le altre riportate nella tabella. Nel caso un esperto volesse proporre una modifica alle stesse o suggerirne di nuove, si richiede di lasciare un commento all'interno della categoria in esame.

Soglie di accettazione basate su valori medi dei prodotti in commercio

Per ciascun alimento specifico, invece, andremo a valutare delle soglie di accettazione per i macronutrienti principalmente presenti, basandoci su un confronto tra le medie degli stessi prodotti sul mercato, utilizzando come riferimento i dati presenti sul sito aidepi e crea. Qualora il dato non sia presente in questi database verrà effettuata un'analisi di mercato su almeno 10 prodotti ed i prodotti analizzati ed i relativi valori verranno riportati in forma tabellare nell'articolo di progettazione dell'alimento.

Per quanto riguarda l'indicazione in scheda prodotto del valore di confronto, qualora questo sia un valore qualitativo e non quantitativo, o quando si vuole indicare il fatto che il dato non viene riportato dal produttore, verrà utilizzato l'avverbio spesso quando la frequenza è almeno del 50% e l'avverbio solitamente quando la frequenza è almeno del 90%: ad esempio per l'olio, il valore di mercato per i polifenoli sarà "solitamente non indicato", perchè in almeno il 90% dei casi i produttori non indicano il quantitativo di polifenoli.

BEVANDE VEGETALI:

Bevande vegetali varie

SUCCHI DI FRUTTA

LATTE:

Latte UHT

BISCOTTI:

FETTE BISCOTTATE:

Fette biscottate

MUESLI:

Muesli e fiocchi

MARMELLATE:

Marmellate, composte e purea

BARRETTE:

DOLCI E MERENDINE:

CREME SPALMABILI:

Creme spalmabili

CIOCCOLATA:

Cioccolata

CACAO:

Cacao

CAFFÈ:

DOLCIFICANTI:

Dolcificanti

Miele

LIEVITO E ADDENSANTI:

Lievito e addensanti

PRODOTTI DA FORNO SALATI:

Prodotti da Forno Salati

Gallette

FRUTTA SECCA E SEMI OLEOSI:

Frutta secca e semi oleosi

FRUTTA E VERDURA ESSICCATA:

Frutta essiccata

PASTA:

RISO

Riso

CEREALI IN CHICCO:

Cereali in chicco

LEGUMI SECCHI:

Legumi secchi

SUGHI E PASSATE:

Passate e pelati

Sughi pronti

LEGUMI PRECOTTI E ZUPPE:

MACROBIOTICA E ALIMENTI ORIENTALI:

Macrobiotica e alimenti orientali

CONSERVE:

Conserve

BIRRE:

Birra

VINO:

Vino

OLIO:

Olii vegetali

CONDIMENTI:

Condimenti

FARINE:

TISANE E INFUSI

Tisane e infusi

INTEGRATORI NATURALI

Integratori naturali

ALIMENTI PER L'INFANZIA

In questo articolo stiamo raccogliendo la normativa alla base degli alimenti per l'infanzia Normativa alimenti prima infanzia a supporto delle varie categorie.

Prima infanzia qui discutiamo eventuali soglie comuni a tutte le sottocategorie

Sotto categorie alimenti prima infanzia

IGIENE DELLA CASA E DELLA PERSONA

Detergenti per stoviglie

Saponi

Informazioni di editing dell'articolo
Autore:
MarinaPutzolu
Revisori:
antonella, Martina.Loi, admin, montemarco, Frankaffa, valentina.masella, FedericaF, marcobuccianti, francesca06, micheladelucca@alice.it, erika51
Editor:
Gabriella (mariabitetto@gmail.com)
Stato:
Prima stesura
Note:
?
Eventi:
Martedì 17 Marzo 2020 14:56 - MarinaPutzolu ha ricevuto richiesta di scrivere l'articolo
Martedì 17 Marzo 2020 14:56 - L'articolo e' passato nello stato 'Richiesta di assegnazione inviata all'autore'
Martedì 17 Marzo 2020 14:56 - Martina.Loi ha ricevuto richiesta di revisionare l'articolo
Martedì 17 Marzo 2020 14:56 - montemarco ha ricevuto richiesta di revisionare l'articolo
Martedì 17 Marzo 2020 14:57 - antonella ha ricevuto richiesta di revisionare l'articolo
Martedì 17 Marzo 2020 14:57 - admin ha ricevuto richiesta di revisionare l'articolo
Martedì 17 Marzo 2020 14:58 - antonella ha accettato di revisionare l'articolo
Mercoledì 18 Marzo 2020 16:57 - Martina.Loi ha accettato di revisionare l'articolo
Mercoledì 18 Marzo 2020 18:10 - L'articolo e' passato nello stato 'Prima stesura'
Mercoledì 18 Marzo 2020 18:10 - MarinaPutzolu ha accettato di scrivere l'articolo
Mercoledì 18 Marzo 2020 18:23 - admin ha accettato di revisionare l'articolo
Martedì 24 Marzo 2020 12:20 - montemarco ha accettato di revisionare l'articolo
Venerdì 05 Giugno 2020 16:55 - Frankaffa ha ricevuto richiesta di revisionare l'articolo
Venerdì 05 Giugno 2020 17:08 - Frankaffa ha accettato di revisionare l'articolo
Lunedì 12 Ottobre 2020 12:03 - federicam ha ricevuto richiesta di revisionare l'articolo
Martedì 13 Ottobre 2020 10:41 - federicam ha accettato di revisionare l'articolo
Suggerimenti per i contenuti
Per questo articolo non sono state individuati suggerimenti per i contenuti. Chiedi aiuto agli amministratori del sito.
Lunghezza articolo suggerita: 600-1000 parole
Lunghezza corrente (bibliografia esclusa): 1360 parole
Commenti
1 discussione attiva, 22 archiviate (Mostra archiviate)
  • Bevande vegetali
    - 1 anno, 2 mesi fa

    In alcune bevande si ritrova fra gli ingredienti inulina e sale: pareri?

    Rispondi
    • - 1 anno, 2 mesi fa

      l'inulina è una fibra solubile che si ritrova in grandi quantità in cipolle e carciofi. Oltre ad essere una fibra apporta un leggero gusto dolce e funge da addensante ad alte concentrazioni (non credo si aquesto il caso delle bevande). A volte l'ho ritrovato negli yogurt al 2%. Io vedo sempre positivamente l'aggiunta di questo ingrediente.
      Il sale penso abbia una funzione edonistica/ per il bilanciamento del gusto. Se non è eccessivo possiamo anche soprassedere. Di che quantità stiamo parlando?

      • - 1 anno fa

        Di solito sono fra gli ultimi ingredienti, quindi piccole quantità... Ripeto la domanda: si può considerare un additivo? Consideriamo anche le varie aggiunte di minerali o vitamine?

      • - 1 anno fa

        condivido l'importanza dell'inulina. Io su questo ho scritto un piccolo manuale corredato di ricette dal titolo "La cucina metabolica"

        Rispondi
        • - 1 anno fa

          Ritenete utile inserirlo come punteggio plus?

      • - 1 anno, 2 mesi fa

        Si può considerare un additivo? In questo caso dovremmo inserirlo fra quelli accettati perchè al momento abbiamo messo "nessuno"...

        • - 1 anno fa

          si va bene come additivo. Direi che possiamo valutare di accettarlo.

Nuovo Commento